Indietro

Imu, recuperati 300mila euro

Si tratta di mancati versamenti. Il trend è in crescita dal 2014. Plauso del vicesindaco Dei: "Lavoro importante dei nostri uffici comunali"

CERTALDO — Il 2017 appena chiuso farà registrare a consuntivo un dato significativo sulle entrate provenienti dal recupero delle imposte immobiliari non versate: quasi 300mila euro di entrate incassate, che si aggiungono ai circa 3 milioni di gettito annuale IMU che arrivano grazie ad un impegno specifico dell’amministrazione.

Lo rende noto il vicesindaco Francesco Dei, che ha tra le sue deleghe sia il bilancio che l’equità contributiva: si è passati da avvisi di accertamento (ovvero l’individuazione di somme da riscuotere e considerate riscuotibili) per 117mila euro nel 2014, ad una somma di circa 715mila euro nel 2017. Oltre 6 volte in più, considerando però che l’IMU è stata introdotta nel 2012 dalla Manovra Monti per cui sono oggi a disposizione maggiori anni d’imposta su cui esercitare il controllo. A questo si aggiungono nel 2017 ulteriori entrate accertate da ICI per circa 30mila euro e 50mila euro di incassi sugli anni precedenti.

Si tratta di un lavoro importante da parte dei nostri uffici comunali - ha spiegato il vicesindaco, Francesco Dei – perché consente di recuperare risorse utili a chiudere i bilanci in pareggio finanziario e fa aumentare in modo strutturale la base imponibile per gli anni successivi d’imposta, riducendo l’evasione e incentivando la fedeltà fiscale dei contribuenti. Tutte risorse che, al netto degli accantonamenti prudenziali previsti dalla legge, permettono poi in corso d’anno di finanziare importanti investimenti per la collettività”.

Si ricorda inoltre che, per quanto riguarda le imposte sugli immobili, numerose sono le agevolazioni per i contribuenti fra cui, oltre a quelle previste per legge, l'abbattimento dell'aliquota dal 9,9 per mille al 7,6 per mille per le abitazioni diverse dalla principale nel caso vi sia l’inquilino residente, agevolazione introdotta proprio dal Comune nel 2017. Altro dato, positivo, da notare, che la maggior parte degli incassi risulta comunque da ravvedimento del contribuente, e solo in parte dall’attività coattiva mediante ruolo dell'Agenzia delle Entrate - Riscossione (ex gruppo Equitalia). Infine, è prevista dal Decreto Fiscale 148/2017 la Definizione Agevolata - o cosiddetta ‘rottamazione bis’ delle cartelle - che consente di estinguere i debiti iscritti a ruolo negli avvisi e nelle cartelle di pagamento, anche per tributi locali, attraverso il versamento di somme dovute senza però corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora all’agente della Riscossione.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it